Seleziona una pagina

SPEDIZIONE AL POLO SUD GEOGRAFICO

Una spedizione vera e propria davvero unica ed emozionante: traversata con gli sci e le slitte e senza l’aiuto di mezzi meccanici degli ultimi 100 kilometri attraversando l’Antartide, la più gigantesca, fredda e  deserta distesa del mondo, per raggiungere l’ultimo grado di latitudine fino ai mitici 90° Sud e il magico Polo Sud Geografico punto dove si uniscono tutti i meridiani terrestri.

Una spedizione vera e propria davvero unica ed emozionante: traversata con gli sci e le slitte e senza l’aiuto di mezzi meccanici degli ultimi 100 kilometri attraversando l’Antartide, la più gigantesca, fredda e  deserta distesa del mondo, per raggiungere l’ultimo grado di latitudine fino ai mitici 90° Sud e il magico Polo Sud Geografico punto dove si uniscono tutti i meridiani terrestri.

Scopri di più +

Il desiderio di essere uno dei pochi uomini ad arrivare al Polo Sud Geografico, continua ad essere oggi così forte come lo fu per Amundsen e Scott più di 100 anni fa, quando nazioni intere mettevano tutto il loro impegno per raggiungere quell’agognato punto. Con un affanno di mire meno conquistatrici, ma con lo stesso spirito d’avventura e ricerca dell’ignoto, la nostra spedizione raggiungerà con gli sci, l’ultimo grado di latitudine fino ai mitici 90° Sud.

Questa spedizione attraversa la più gigantesca, fredda e  deserta distesa del mondo, si svolgerà ad una altezza di 3.000 metri sopra il livello del mare. I circa 100 km di traversata che si percorrerono con gli sci, senza l’aiuto di mezzi meccanici, avranno, come sfondo la calotta polare dell’Antartide: un vero e proprio mare di ghiaccio che arriva a raggiungere uno spessore di 3 km.

Il punto di partenza sarà l‘Union Glacier Base Camp, l’accampamento base da cui partono tutte le spedizioni al Polo Sud e al Monte Vinson, la punta più alta dell’Antartide. Dopo vari ed indimenticabili giorni di traversata attraverso uno dei luoghi più inospitali e vergini del pianeta, si raggiungerà questo magico punto dove si uniscono tutti i meridiani terrestri. Esattamente in questo luogo si trova la base scientifica Amundsen-Scott, così chiamata in memoria di questi coraggiosi esploratori polari che più di 100 anni fa hanno calpestato per la prima volta quel tanto agognato punto della terra.

IN EVIDENZA

  • Il privilegio davvero unico di raggiungere il Polo Sud Geografico, che con i suoi 90° di latitudine sud rappresenta il punto estremo più meridionale del pianeta.
  • Possibilità di sciare sul “plateau” glaciale antartico, scivolando su uno dei terreni più inospitali e vergini della terra con la consapevolezza che sotto i nostri piedi c’è una cappa di ghiaccio di più di 3.000 metri di profondità.
  • Sperimentare la sensazione di vivere con 24 ore di sole ininterrotto, ammirando il famoso fenomeno del sole di mezzanotte.
  • Conoscere e visitare la base scientifica più a sud della terraa.
  • Ammirare la spettacolare Calotta Polare Antartica.

Volo Italia-Punta Arenas (Cile)

Arrivo a Punta Arenas nel Cile meridionale, capitale della Regione delle Magellane e dell’Antartide Cilena, due giorni prima della partenza per l’Antartide. Trasferimento in hotel (pernottamento non incluso nella quota di partecipazione). Primo incontro con l’equipe logistica e programmazione dell’incontro del giorno successivo.

– Riunione con un membro dell’equipe logistica per controllare il materiale per la spedizione. É importante essere provvisti di tutto il necessario per affrontare quello che con tutta probabilità sarà il viaggio più straordinario della vita intera. Durante l’incontro si daranno informazioni sul volo, sulla situazione meteorologica attuale nell’area di arrivo e su ciò che attende al gruppo dopo l’atterraggio. È il momento per chiedere all’equipe tutte informazioni e per fugare tutti i dubbi dell’ultima ora, conoscere gli altri membri della spedizione, preparare e controllare l’equipaggiamento per la spedizione.
Pernottamento in hotel (non incluso nella quota di partecipazione).

1° giorno: Volo Punta Arenas-Union Glacier

In mattinata riunione con i membri della equipe logistica, e trasferimento all’aeroporto. Si farà in modo di rispettare il programma previsto per la spedizione in Antartide, ma bisogna anche mettere in preventivo che la data di partenza è direttamente collegata alle condizioni meteorologiche. E’ soltanto il capo della spedizione che ha facoltà di stabilire se rispettare o posticipare la data di partenza, fino a quando le condizioni del tempo non saranno ottimali.
La durata del volo da Punta Arenas a Union Glacier è di circa 4 ore e mezza, che potranno aumentare o diminuire a seconda dei venti.
Nella prima parte del volo si passerà sopra la Terra del Fuoco, la zona più a sud del Cile. Il portoghese, Fernando Magellano, che ha condotto la prima circumnavigazione della Terra tra il 1519 e il 1522, scoprì questa zona e la chiamò Terra del Fuoco per i fuochi degli accampamenti che si vedevano sulle spiagge, accesi dagli abitanti nativi Yangan.
L’Oceano in quel punto è molto conosciuto nella storia moderna per le sue violente  tormente, i fortissimi venti e le sue agitate acque. Onde alte più di 30 metri sono state viste da numerose navi nei pressi del Passo di Drake e molti marinai del passato, alla ricerca di nuove terre,  hanno perso la vita in queste vorticose acque. Nei pressi dei 60° di latitudine, si raggiunge il limite della zona di acqua ghiacciata. Quest‘area dell’Oceano è chiamata „Convergenza Antartica“, è ricca di plancton ed altre piccole creature che formano il punto più basso della catena alimentare della ricca colonia di uccelli e fauna dell’Antartide. Quest‘area è regolata dal Trattato Antartico. 66° è la latitudine nella quale si attraversa il Circolo Polare Antartico. Questo è il punto nel quale il sole non tramonta mai durante il giorno del solstizio d’estate australe, e non sorge mai durante il giorno del solstizio d’inverno australe. Nel Polo Sud il sole sorge e tramonta solo una volta all’anno.
Durante il volo al Sud, se le condizioni meteo lo permettono, sarà possibile vedere i giganteschi iceberg tubolari e la banchisa antartica. Alcuni di questi iceberg sono della grandezza di un piccolo paese, e si tramutano in un magnifico mezzo di trasporto e luogo di riparo per pinguini e foche.
La prima visione del continente gelato appare a Charcot Island nell‘Alexander Island a 71° di latitudine. L‘Alexander Island è una grande isola nel mare di Bellingshausen separata dal continente dalla baia di Giorgio IV. Fu scoperta da Von Bellingshausen il 28 gennaio del 1821 il quale le diede il nome dello Zar di Russia.
La barriera di ghiaccio continua fin nell’entroterra, dove si scorgono gli spettacolari Monti Ellsworth, la cordigliera più alta dell’Antartide. Una volta superata la magnifica cordigliera, si avvisterà la pista di atterraggio. L’aereo atterrerà in un’area di ghiaccio azzurro che si trova a 800 metri sopra il livello del mare. Questo ghiaccio azzurro rimane sempre libero da neve a causa dei forti venti catabatici che provengono con forza dalle montagne. Dopo un’accoglienza di benvenuto da parte dell’equipe dell’organizzazione della spedizione, trasferimento all’Union Glacier Base Camp, situato a circa 8 km dalla pista di atterraggio.
Arrivo all’Union Glacier Base Camp. Incontro con l’equipe della spedizione, sistemazione e pernottamento.

2° giorno: Acclimatamento all’Antartide

Giorno di adattamento alle condizioni dell’Antartide e per familiarizzare con l’equipe della spedizione.
La guida fornirà ai partecipanti nozioni importanti sulla logistica, la sicurezza e conservazione e il rispetto dell’ambiente. Primo allenamento con gli sci per abituarsi all’ambiente particolare e poco familiare del “continente gelato” in preparazione alla mini-spedizione prevista per i prossimi due giorni nei dintorni dell’accampamento.

Dal 3° al 4° giorno: Mini – Spedizione

Durante la mini-spedizione prevista per questi due giorni, si avrà la possibilità di sperimentare in prima persona quella che sarà la spedizione vera e propria per raggiungere il Polo Sud geografico. Si realizzerà una prima prova tirando la slitta (pulka). Si faranno diversi percorsi e si dormirà fuori dall’accampamento base. Quest’esperienza  darà l’opportunità all’equipe di verificare il ritmo di marcia e di valutare l’adeguatezza dell’abbigliamento, l’equipaggiamento e il materiale per l’accampamento che si utilizzeranno durante i giorni di spedizione.
Il mattino seguente rientro all’accampamento base.

5° giorno: Volo all’ 89°S

Finalmente inizia l’avventura! Trasferimento in aereo in direzione delle montagne Thiel fino a raggiungere 89° di latitudine, nel centro del “plateau” polare, dove, se le condizioni meteorologiche lo permettono, inizierà la spedizione verso il Polo Sud. Man mano che l’aereo scomparirà dalla vista, circondati ovunque dalla neve e da ampi orizzonti, sarà difficile non rimanere sorpresi  dalla bellezza e dal vuoto di quest’area remota. Una volta atterrati, si inizierà la spedizione o si monterà l’accampamento per la notte per iniziare ad abituarsi al freddo estremo di quest’altitudine. E’ anche possibile che, nel caso in cui il clima sia peggiorato dopo la partenza da Union Glacier, ci sia la necessità di rientrare ed aspettare migliori condizioni del tempo prima di proseguire.

Dal 6° al 10° giorno: Traversata con sci sul Plateau antartico

Inizia il viaggio diretti verso sud in totale autonomia e senza veicoli di appoggio con le slitte cariche di tutto l’equipaggiamento personale e comune e i rifornimenti.
La partenza sarà lenta per iniziare l’acclimatamento e il ritmo aumenterà via via fino ad arrivare a camminare per circa 8 ore al giorno. Il viaggio è fisicamente impegnativo. Le slitte pesano circa 30 kg e nella neve si possono formare dei cumuli ripidi chiamati “sastrugi”.
Durante il primo giorno di traversata, trascinando le pulkas, si sentiranno chiaramente gli effetti dell’altitudine sulla respirazione. Dopo un paio di giorni ci si sarà perfettamente abituati.
Come in tutte le spedizioni, l’esito finale dipende molto dall’impegno e dallo sforzo di tutto il gruppo. Il gruppo viaggerà insieme, e tutti i partecipanti dovranno aiutare a montare l’accampamento e a preparare i pasti alla fine della giornata.
Da una distanza di circa 25 km, si potrà già intravedere la famosa base di ricerca Amundsen-Scott situata nel cuore del Polo Sud. Questi ultimi 25 chilometri probabilmente sembreranno i più lunghi di tutta la spedizione. Con il tempo favorevole un po’ di fortuna si raggiungerà la meta finale di questa fantastica avventura: il punto più australe della Terra, il Polo Sud Geografico.
Una volta arrivati a destinazione, possibilità di toccare l’asticella metallica che si erge solitaria per segnalare il punto più a sud della Terra consapevoli che sotto i piedi si riuniscono tutti i 360 meridiani o linee di longitudine che passano per la superficie terrestre.

11° giorno: Il Polo Sud

Ultima tappa a conclusione della buona riuscita della spedizione. Sarà una grande emozione e una soddisfazione sapere di essere arrivati fino a qui grazie ai al proprio sforzo e impegno, in qualche modo sarà più facile comprendere le sensazioni provate e vissute da Amundsen e Scott al loro arrivo in questo luogo più di 100 anni fa, accompagnati solo dal suono del vento e da un’interminabile estensione bianca che si allunga verso nord in tutte le direzioni. Preparazione dell’accamperemo nell’area a ciò destinata in attesa dell’arrivo dell’aereo per il rientro all’Union Glacier Base Camp.
Il Polo Sud è stato designato come “Antarctic Specially Managed Area” (http://www.ats.aq/e/ep_protected.htm) o ASMA 5, per la conservazione dei valori ambientali, scientifici e storici della zona. Vien richiesta pertanto la piena collaborazione da parte di tutti i viaggiatori nel rispetto delle norme previste per i visitatoridurante tutta la loro permanenza al Polo Sud

12° giorno: Ritorno all’Union Glacier Base Camp

Al termine di questo incredibile viaggio, rientro in aereo all’Union Glacier Base Camp sorvolando il plateau antartico. Una volta arrivati all’accampamento festeggiamenti per il successo e la buona riuscita di questa incredibile spedizione con una cena e un bel brindisi.
Tempo libero presso l’Union Glacier Base Camp per riposare e riprendere le forze e possibilità doi partecipare alle varie attività che si svolgono nei pressi dell’accampamento. Possibilità di incontrare ed ascoltare le esperienze di altri avventurieri e scalatori di rientro dalle loro spedizioni nel deserto bianco

13° giorno: Ritorno a Punta Arenas, Cile

Parte finale di questa incredibile spedizione: volo dall‘ “Union Glacier Base Camp“ diretti verso Punta Arenas con lo stesso aereo che porterà in Antartide un nuovo gruppo di avidi esploratori.
All’aeroporto di Punta Arenas incontro con gli incaricati dell‘organizzazione e trasferimento all‘hotel. Pernottamento in hotel (non incluso nella quota di partecipazione).

– Volo di ritorno in Italia
– Rientro in Italia.

DESCRIZIONE DI UNA GIORNATA DI MARCIA

Ore 8: sveglia e colazione
Ore 10: inizia la traversata (previsti 5-10 minuti di riposo ogni ora)
Ore 12: sosta per pranzare
Ore 17 circa: ci si ferma per preparare l’accampamento e per cenare.
Dal momento che è possibile approfittare della luce solare 24 ore su 24, generalmente si sta abbastanza caldi all‘interno delle tende, e gli indumenti inumiditi dal sudore, si asciugheranno facilmente.
In media di percorreono giornalmente circa 16 km iniziando con 9 o 10 Km nei primi giorni, per poi aumentare gradatamente man mano che ci si andrà acclimatando.

NOTA BENE: E’ importante tenere a mente che questa spedizione si sviluppa nel continente più desolato ed inospitale della terra. L’organizzazione farà come sempre tutto il possibile per rispettare il programma di viaggio prestabilito, ma vista la particolarità di viaggio bisogna mettere in preventivo che possono verificarsi molteplici circostanze imprevedibili come maltempo, cattive condizioni del terreno e del ghiaccio, problemi logistici o tecnici e/o altro che possono costringere la guida e l’equipe a variare il programma stabilito all’origine, per questo viene richiesta molta flessibilità da parte del viaggiatore. Proprio per questa ragione non si può calcolare e programmare ogni data con precisione si consiglia perciò vivamente di non pianificare nulla, né prendere impegni importanti per almeno le due settimane successive dalla data prevista per la fine della spedizione. Godetevi quest’esperienza unica senza lo stress di impegni in sospeso.

Consulta anche il programma del tour “ANTARTIDE – Aero-crociera alla scoperta della penisola antartica” per raggiungere il mitico Polo Sud in aereo, sorvolando il continente antartico da Union Glacier.”.
Richiedi la scheda tecnica e tutte le informazioni dettagliate alla nostra agenzia Terre Polari Viaggi all’indirizzo e-mail info@terrepolari.com o al numero di telefono 0445/366053.

Condizione fisica

Questa spedizione è accessibile alle persone sane e attive, che hanno esperienza nello sci e nel campeggio, che godono di un alto livello di forma fisica e che sono disposte ad allenarsi regolarmente per prepararsi al meglio per il viaggio. 

In fase di prenotazione, ogni partecipante dovrà presentare all’organizzazione un riassunto delle proprie esperienze pregresse in spedizioni con sci, in modo da poter adattare l’itinerario al loro livello di abilità e di esperienza, oltre che per poterli consigliare sul tipo di allenamento da fare prima della partenza per la spedizione. 

La traversata non è tecnicamente difficile, sciare in un terreno senza dislivelli e molto simile alla camminata e non richiede una grande esperienza. Le slitte che trascineranno i partecipanti avranno un peso di circa 30 kg. Questo peso andrà diminuendo leggermente man mano che verranno consumate le razioni delle provviste alimentari durante la traversata. Le condizioni ambientali sono comunque dure, sia per le basse temperature (fino a -30°) che per il terreno dissestato. 

La maggior parte di coloro che partecipano a questo tipo di spedizione e anche le guide spesso segnalano che la spedizione è risultata più difficile di quanto previsto in quanto l‘altitudine (3.353 metri), le basse temperature (-30°C), il forte vento e la neve fanno di questa spedizione una delle più difficili dal punto di vista fisico. 

Per preparare al meglio la spedizione è necessario iniziare per tempo un programma di allenamento regolare che includa le seguenti attività: corsa, camminata, bicicletta e nuoto. Sono tutte attività che aiutano a migliorare la condizione fisica generale. Bisogna tenere conto inoltre che il clima estremo e l‘altitudine aumentano notevolmente la sfida fisica durante il viaggio. 

Se possibile, è consigliato anche di praticare come allenamento anche le attività che si effettueranno durante la spedizione in Antartide: trascinare pesi o zavorre lungo la spiaggia, sul prato o in qualunque luogo che offra la possibilità di rafforzare la propria resistenza. Sarà utile inoltre utilizzare bastoni da sci per fortificare le braccia e la vita, e abituare così il corpo al movimento che si dovrà effettuare in seguito. Bisogna aumentare poco a poco il peso della zavorra e la durata dell‘allenamento in quantol‘obiettivo finale è quello di riuscire a trascinare in modo agevole una slitta di 30 kg per 6/8 ore.

Requisiti necessari per la prenotazione

– Certificato medico dettagliato 

– Assicurazione medico – bagaglio (incidente, salvataggio e soccorso) 

– Polizza annullamento (cancellazione e interruzione del viaggio per malattia, motivi familiari urgenti, ecc.) 

– Compilazione di un formulario medico relativo alle condizioni fisiche e sportive di ogni partecipante che dovrà essere approvato della squadra medica dell’organizzazione logistica dell’Antartide. Queste informazioni sono indispensabili e saranno trattate nel rispetto della normativa sulla privacy. 

Nota bene: a causa di condizioni meteorologiche imprevedibili, si consiglia vivamente di non pianificare nulla, né prendere impegni importanti per almeno le due settimane successive dalla data prevista per la fine della spedizione.

La guida

Le guide di questa spedizione accompagnano il gruppo durante tutto il tour attraverso le bellezze naturali dell’Antartide.  In caso di pericolo e di condizioni meteo avverse hanno facoltà di modificare il programma se lo ritengono necessario. Le guide sovraintendono sulla sicurezza del gruppo, i partecipanti devono seguire le indicazioni di comportamento da loro fornite per lo svolgimento dell’itinerario. Le guide coordinano tutte le attività e le operazioni comuni in cui viene richiesta la piena collaborazione di tutti i partecipanti: montaggio e smontaggio dell‘accampamento, preparazione dei pasti, lavaggio dei piatti e tutte le altre necessità che possano sorgere.

Prenotazione e termine d'iscrizione

Prenotazione: Acconto di 13.767,50 U$ + quota volo (tasse aeroportuali incluse) + polizza annullamento  al momento della prenotazione; saldo entro 40 giorni prima della partenza.Per prenotazioni in epoca successiva a tale termine il saldo dovrà essere versato al momento della prenotazione in un’unica soluzione (in caso di mancato saldo l’iscrizione si considera annullata).

Termine d’iscrizione: Indispensabile la prenotazione con parecchi mesi di anticipo. La domanda d’iscrizione dopo tale termine è subordinata alla disponibilità dei posti ancora liberi e dal raggiungimento del numero minimo di partecipanti alla spedizione.

Descrizione

Scopri di più +

Il desiderio di essere uno dei pochi uomini ad arrivare al Polo Sud Geografico, continua ad essere oggi così forte come lo fu per Amundsen e Scott più di 100 anni fa, quando nazioni intere mettevano tutto il loro impegno per raggiungere quell’agognato punto. Con un affanno di mire meno conquistatrici, ma con lo stesso spirito d’avventura e ricerca dell’ignoto, la nostra spedizione raggiungerà con gli sci, l’ultimo grado di latitudine fino ai mitici 90° Sud.

Questa spedizione attraversa la più gigantesca, fredda e  deserta distesa del mondo, si svolgerà ad una altezza di 3.000 metri sopra il livello del mare. I circa 100 km di traversata che si percorrerono con gli sci, senza l’aiuto di mezzi meccanici, avranno, come sfondo la calotta polare dell’Antartide: un vero e proprio mare di ghiaccio che arriva a raggiungere uno spessore di 3 km.

Il punto di partenza sarà l‘Union Glacier Base Camp, l’accampamento base da cui partono tutte le spedizioni al Polo Sud e al Monte Vinson, la punta più alta dell’Antartide. Dopo vari ed indimenticabili giorni di traversata attraverso uno dei luoghi più inospitali e vergini del pianeta, si raggiungerà questo magico punto dove si uniscono tutti i meridiani terrestri. Esattamente in questo luogo si trova la base scientifica Amundsen-Scott, così chiamata in memoria di questi coraggiosi esploratori polari che più di 100 anni fa hanno calpestato per la prima volta quel tanto agognato punto della terra.

IN EVIDENZA

  • Il privilegio davvero unico di raggiungere il Polo Sud Geografico, che con i suoi 90° di latitudine sud rappresenta il punto estremo più meridionale del pianeta.
  • Possibilità di sciare sul “plateau” glaciale antartico, scivolando su uno dei terreni più inospitali e vergini della terra con la consapevolezza che sotto i nostri piedi c’è una cappa di ghiaccio di più di 3.000 metri di profondità.
  • Sperimentare la sensazione di vivere con 24 ore di sole ininterrotto, ammirando il famoso fenomeno del sole di mezzanotte.
  • Conoscere e visitare la base scientifica più a sud della terraa.
  • Ammirare la spettacolare Calotta Polare Antartica.
Programma

Volo Italia-Punta Arenas (Cile)

Arrivo a Punta Arenas nel Cile meridionale, capitale della Regione delle Magellane e dell’Antartide Cilena, due giorni prima della partenza per l’Antartide. Trasferimento in hotel (pernottamento non incluso nella quota di partecipazione). Primo incontro con l’equipe logistica e programmazione dell’incontro del giorno successivo.

– Riunione con un membro dell’equipe logistica per controllare il materiale per la spedizione. É importante essere provvisti di tutto il necessario per affrontare quello che con tutta probabilità sarà il viaggio più straordinario della vita intera. Durante l’incontro si daranno informazioni sul volo, sulla situazione meteorologica attuale nell’area di arrivo e su ciò che attende al gruppo dopo l’atterraggio. È il momento per chiedere all’equipe tutte informazioni e per fugare tutti i dubbi dell’ultima ora, conoscere gli altri membri della spedizione, preparare e controllare l’equipaggiamento per la spedizione.
Pernottamento in hotel (non incluso nella quota di partecipazione).

1° giorno: Volo Punta Arenas-Union Glacier

In mattinata riunione con i membri della equipe logistica, e trasferimento all’aeroporto. Si farà in modo di rispettare il programma previsto per la spedizione in Antartide, ma bisogna anche mettere in preventivo che la data di partenza è direttamente collegata alle condizioni meteorologiche. E’ soltanto il capo della spedizione che ha facoltà di stabilire se rispettare o posticipare la data di partenza, fino a quando le condizioni del tempo non saranno ottimali.
La durata del volo da Punta Arenas a Union Glacier è di circa 4 ore e mezza, che potranno aumentare o diminuire a seconda dei venti.
Nella prima parte del volo si passerà sopra la Terra del Fuoco, la zona più a sud del Cile. Il portoghese, Fernando Magellano, che ha condotto la prima circumnavigazione della Terra tra il 1519 e il 1522, scoprì questa zona e la chiamò Terra del Fuoco per i fuochi degli accampamenti che si vedevano sulle spiagge, accesi dagli abitanti nativi Yangan.
L’Oceano in quel punto è molto conosciuto nella storia moderna per le sue violente  tormente, i fortissimi venti e le sue agitate acque. Onde alte più di 30 metri sono state viste da numerose navi nei pressi del Passo di Drake e molti marinai del passato, alla ricerca di nuove terre,  hanno perso la vita in queste vorticose acque. Nei pressi dei 60° di latitudine, si raggiunge il limite della zona di acqua ghiacciata. Quest‘area dell’Oceano è chiamata „Convergenza Antartica“, è ricca di plancton ed altre piccole creature che formano il punto più basso della catena alimentare della ricca colonia di uccelli e fauna dell’Antartide. Quest‘area è regolata dal Trattato Antartico. 66° è la latitudine nella quale si attraversa il Circolo Polare Antartico. Questo è il punto nel quale il sole non tramonta mai durante il giorno del solstizio d’estate australe, e non sorge mai durante il giorno del solstizio d’inverno australe. Nel Polo Sud il sole sorge e tramonta solo una volta all’anno.
Durante il volo al Sud, se le condizioni meteo lo permettono, sarà possibile vedere i giganteschi iceberg tubolari e la banchisa antartica. Alcuni di questi iceberg sono della grandezza di un piccolo paese, e si tramutano in un magnifico mezzo di trasporto e luogo di riparo per pinguini e foche.
La prima visione del continente gelato appare a Charcot Island nell‘Alexander Island a 71° di latitudine. L‘Alexander Island è una grande isola nel mare di Bellingshausen separata dal continente dalla baia di Giorgio IV. Fu scoperta da Von Bellingshausen il 28 gennaio del 1821 il quale le diede il nome dello Zar di Russia.
La barriera di ghiaccio continua fin nell’entroterra, dove si scorgono gli spettacolari Monti Ellsworth, la cordigliera più alta dell’Antartide. Una volta superata la magnifica cordigliera, si avvisterà la pista di atterraggio. L’aereo atterrerà in un’area di ghiaccio azzurro che si trova a 800 metri sopra il livello del mare. Questo ghiaccio azzurro rimane sempre libero da neve a causa dei forti venti catabatici che provengono con forza dalle montagne. Dopo un’accoglienza di benvenuto da parte dell’equipe dell’organizzazione della spedizione, trasferimento all’Union Glacier Base Camp, situato a circa 8 km dalla pista di atterraggio.
Arrivo all’Union Glacier Base Camp. Incontro con l’equipe della spedizione, sistemazione e pernottamento.

2° giorno: Acclimatamento all’Antartide

Giorno di adattamento alle condizioni dell’Antartide e per familiarizzare con l’equipe della spedizione.
La guida fornirà ai partecipanti nozioni importanti sulla logistica, la sicurezza e conservazione e il rispetto dell’ambiente. Primo allenamento con gli sci per abituarsi all’ambiente particolare e poco familiare del “continente gelato” in preparazione alla mini-spedizione prevista per i prossimi due giorni nei dintorni dell’accampamento.

Dal 3° al 4° giorno: Mini – Spedizione

Durante la mini-spedizione prevista per questi due giorni, si avrà la possibilità di sperimentare in prima persona quella che sarà la spedizione vera e propria per raggiungere il Polo Sud geografico. Si realizzerà una prima prova tirando la slitta (pulka). Si faranno diversi percorsi e si dormirà fuori dall’accampamento base. Quest’esperienza  darà l’opportunità all’equipe di verificare il ritmo di marcia e di valutare l’adeguatezza dell’abbigliamento, l’equipaggiamento e il materiale per l’accampamento che si utilizzeranno durante i giorni di spedizione.
Il mattino seguente rientro all’accampamento base.

5° giorno: Volo all’ 89°S

Finalmente inizia l’avventura! Trasferimento in aereo in direzione delle montagne Thiel fino a raggiungere 89° di latitudine, nel centro del “plateau” polare, dove, se le condizioni meteorologiche lo permettono, inizierà la spedizione verso il Polo Sud. Man mano che l’aereo scomparirà dalla vista, circondati ovunque dalla neve e da ampi orizzonti, sarà difficile non rimanere sorpresi  dalla bellezza e dal vuoto di quest’area remota. Una volta atterrati, si inizierà la spedizione o si monterà l’accampamento per la notte per iniziare ad abituarsi al freddo estremo di quest’altitudine. E’ anche possibile che, nel caso in cui il clima sia peggiorato dopo la partenza da Union Glacier, ci sia la necessità di rientrare ed aspettare migliori condizioni del tempo prima di proseguire.

Dal 6° al 10° giorno: Traversata con sci sul Plateau antartico

Inizia il viaggio diretti verso sud in totale autonomia e senza veicoli di appoggio con le slitte cariche di tutto l’equipaggiamento personale e comune e i rifornimenti.
La partenza sarà lenta per iniziare l’acclimatamento e il ritmo aumenterà via via fino ad arrivare a camminare per circa 8 ore al giorno. Il viaggio è fisicamente impegnativo. Le slitte pesano circa 30 kg e nella neve si possono formare dei cumuli ripidi chiamati “sastrugi”.
Durante il primo giorno di traversata, trascinando le pulkas, si sentiranno chiaramente gli effetti dell’altitudine sulla respirazione. Dopo un paio di giorni ci si sarà perfettamente abituati.
Come in tutte le spedizioni, l’esito finale dipende molto dall’impegno e dallo sforzo di tutto il gruppo. Il gruppo viaggerà insieme, e tutti i partecipanti dovranno aiutare a montare l’accampamento e a preparare i pasti alla fine della giornata.
Da una distanza di circa 25 km, si potrà già intravedere la famosa base di ricerca Amundsen-Scott situata nel cuore del Polo Sud. Questi ultimi 25 chilometri probabilmente sembreranno i più lunghi di tutta la spedizione. Con il tempo favorevole un po’ di fortuna si raggiungerà la meta finale di questa fantastica avventura: il punto più australe della Terra, il Polo Sud Geografico.
Una volta arrivati a destinazione, possibilità di toccare l’asticella metallica che si erge solitaria per segnalare il punto più a sud della Terra consapevoli che sotto i piedi si riuniscono tutti i 360 meridiani o linee di longitudine che passano per la superficie terrestre.

11° giorno: Il Polo Sud

Ultima tappa a conclusione della buona riuscita della spedizione. Sarà una grande emozione e una soddisfazione sapere di essere arrivati fino a qui grazie ai al proprio sforzo e impegno, in qualche modo sarà più facile comprendere le sensazioni provate e vissute da Amundsen e Scott al loro arrivo in questo luogo più di 100 anni fa, accompagnati solo dal suono del vento e da un’interminabile estensione bianca che si allunga verso nord in tutte le direzioni. Preparazione dell’accamperemo nell’area a ciò destinata in attesa dell’arrivo dell’aereo per il rientro all’Union Glacier Base Camp.
Il Polo Sud è stato designato come “Antarctic Specially Managed Area” (http://www.ats.aq/e/ep_protected.htm) o ASMA 5, per la conservazione dei valori ambientali, scientifici e storici della zona. Vien richiesta pertanto la piena collaborazione da parte di tutti i viaggiatori nel rispetto delle norme previste per i visitatoridurante tutta la loro permanenza al Polo Sud

12° giorno: Ritorno all’Union Glacier Base Camp

Al termine di questo incredibile viaggio, rientro in aereo all’Union Glacier Base Camp sorvolando il plateau antartico. Una volta arrivati all’accampamento festeggiamenti per il successo e la buona riuscita di questa incredibile spedizione con una cena e un bel brindisi.
Tempo libero presso l’Union Glacier Base Camp per riposare e riprendere le forze e possibilità doi partecipare alle varie attività che si svolgono nei pressi dell’accampamento. Possibilità di incontrare ed ascoltare le esperienze di altri avventurieri e scalatori di rientro dalle loro spedizioni nel deserto bianco

13° giorno: Ritorno a Punta Arenas, Cile

Parte finale di questa incredibile spedizione: volo dall‘ “Union Glacier Base Camp“ diretti verso Punta Arenas con lo stesso aereo che porterà in Antartide un nuovo gruppo di avidi esploratori.
All’aeroporto di Punta Arenas incontro con gli incaricati dell‘organizzazione e trasferimento all‘hotel. Pernottamento in hotel (non incluso nella quota di partecipazione).

– Volo di ritorno in Italia
– Rientro in Italia.

DESCRIZIONE DI UNA GIORNATA DI MARCIA

Ore 8: sveglia e colazione
Ore 10: inizia la traversata (previsti 5-10 minuti di riposo ogni ora)
Ore 12: sosta per pranzare
Ore 17 circa: ci si ferma per preparare l’accampamento e per cenare.
Dal momento che è possibile approfittare della luce solare 24 ore su 24, generalmente si sta abbastanza caldi all‘interno delle tende, e gli indumenti inumiditi dal sudore, si asciugheranno facilmente.
In media di percorreono giornalmente circa 16 km iniziando con 9 o 10 Km nei primi giorni, per poi aumentare gradatamente man mano che ci si andrà acclimatando.

NOTA BENE: E’ importante tenere a mente che questa spedizione si sviluppa nel continente più desolato ed inospitale della terra. L’organizzazione farà come sempre tutto il possibile per rispettare il programma di viaggio prestabilito, ma vista la particolarità di viaggio bisogna mettere in preventivo che possono verificarsi molteplici circostanze imprevedibili come maltempo, cattive condizioni del terreno e del ghiaccio, problemi logistici o tecnici e/o altro che possono costringere la guida e l’equipe a variare il programma stabilito all’origine, per questo viene richiesta molta flessibilità da parte del viaggiatore. Proprio per questa ragione non si può calcolare e programmare ogni data con precisione si consiglia perciò vivamente di non pianificare nulla, né prendere impegni importanti per almeno le due settimane successive dalla data prevista per la fine della spedizione. Godetevi quest’esperienza unica senza lo stress di impegni in sospeso.

Consulta anche il programma del tour “ANTARTIDE – Aero-crociera alla scoperta della penisola antartica” per raggiungere il mitico Polo Sud in aereo, sorvolando il continente antartico da Union Glacier.”.
Richiedi la scheda tecnica e tutte le informazioni dettagliate alla nostra agenzia Terre Polari Viaggi all’indirizzo e-mail info@terrepolari.com o al numero di telefono 0445/366053.

Più Informazioni

Condizione fisica

Questa spedizione è accessibile alle persone sane e attive, che hanno esperienza nello sci e nel campeggio, che godono di un alto livello di forma fisica e che sono disposte ad allenarsi regolarmente per prepararsi al meglio per il viaggio.

In fase di prenotazione, ogni partecipante dovrà presentare all’organizzazione un riassunto delle proprie esperienze pregresse in spedizioni con sci, in modo da poter adattare l’itinerario al loro livello di abilità e di esperienza, oltre che per poterli consigliare sul tipo di allenamento da fare prima della partenza per la spedizione.

La traversata non è tecnicamente difficile, sciare in un terreno senza dislivelli e molto simile alla camminata e non richiede una grande esperienza. Le slitte che trascineranno i partecipanti avranno un peso di circa 30 kg. Questo peso andrà diminuendo leggermente man mano che verranno consumate le razioni delle provviste alimentari durante la traversata. Le condizioni ambientali sono comunque dure, sia per le basse temperature (fino a -30°) che per il terreno dissestato.

La maggior parte di coloro che partecipano a questo tipo di spedizione e anche le guide spesso segnalano che la spedizione è risultata più difficile di quanto previsto in quanto l‘altitudine (3.353 metri), le basse temperature (-30°C), il forte vento e la neve fanno di questa spedizione una delle più difficili dal punto di vista fisico.

Per preparare al meglio la spedizione è necessario iniziare per tempo un programma di allenamento regolare che includa le seguenti attività: corsa, camminata, bicicletta e nuoto. Sono tutte attività che aiutano a migliorare la condizione fisica generale. Bisogna tenere conto inoltre che il clima estremo e l‘altitudine aumentano notevolmente la sfida fisica durante il viaggio.

Se possibile, è consigliato anche di praticare come allenamento anche le attività che si effettueranno durante la spedizione in Antartide: trascinare pesi o zavorre lungo la spiaggia, sul prato o in qualunque luogo che offra la possibilità di rafforzare la propria resistenza. Sarà utile inoltre utilizzare bastoni da sci per fortificare le braccia e la vita, e abituare così il corpo al movimento che si dovrà effettuare in seguito. Bisogna aumentare poco a poco il peso della zavorra e la durata dell‘allenamento in quantol‘obiettivo finale è quello di riuscire a trascinare in modo agevole una slitta di 30 kg per 6/8 ore.

Requisiti necessari per la prenotazione

– Certificato medico dettagliato

– Assicurazione medico – bagaglio (incidente, salvataggio e soccorso)

– Polizza annullamento (cancellazione e interruzione del viaggio per malattia, motivi familiari urgenti, ecc.)

– Compilazione di un formulario medico relativo alle condizioni fisiche e sportive di ogni partecipante che dovrà essere approvato della squadra medica dell’organizzazione logistica dell’Antartide. Queste informazioni sono indispensabili e saranno trattate nel rispetto della normativa sulla privacy.

Nota bene: a causa di condizioni meteorologiche imprevedibili, si consiglia vivamente di non pianificare nulla, né prendere impegni importanti per almeno le due settimane successive dalla data prevista per la fine della spedizione.

La guida

Le guide di questa spedizione accompagnano il gruppo durante tutto il tour attraverso le bellezze naturali dell’Antartide.  In caso di pericolo e di condizioni meteo avverse hanno facoltà di modificare il programma se lo ritengono necessario. Le guide sovraintendono sulla sicurezza del gruppo, i partecipanti devono seguire le indicazioni di comportamento da loro fornite per lo svolgimento dell’itinerario. Le guide coordinano tutte le attività e le operazioni comuni in cui viene richiesta la piena collaborazione di tutti i partecipanti: montaggio e smontaggio dell‘accampamento, preparazione dei pasti, lavaggio dei piatti e tutte le altre necessità che possano sorgere.

Prenotazione e termine d'iscrizione

Prenotazione: Acconto di 13.767,50 U$ + quota volo (tasse aeroportuali incluse) + polizza annullamento  al momento della prenotazione; saldo entro 40 giorni prima della partenza.Per prenotazioni in epoca successiva a tale termine il saldo dovrà essere versato al momento della prenotazione in un’unica soluzione (in caso di mancato saldo l’iscrizione si considera annullata).

Termine d’iscrizione: Indispensabile la prenotazione con parecchi mesi di anticipo. La domanda d’iscrizione dopo tale termine è subordinata alla disponibilità dei posti ancora liberi e dal raggiungimento del numero minimo di partecipanti alla spedizione.

SPEDIZIONI

Spedizione di alto livello in una delle regioni più remote e incontaminate del pianeta. In compagnia di esperte guide ed alpinisti di tutto il mondo, traversata con gli sci dell’ultimo grado di latitudine per raggiungere il punto più meridionale del pianeta, il Polo Sud. Questo tour prevede una consulenza personalizzata da parte di un’equipe polare esperta.

IL VIAGGIO IN IMMAGINI

ESPLORA ALTRI VIAGGI
SPEDIZIONE
Novembre a Gennaio

SPEDIZIONE AL MONTE VINSON

Prezzo da: 44.495$
12 giorni. Livello Alto. Realizza il sogno di raggiungere la cima più alta del continente Antartico.

SPEDIZIONE

12 giorni

Da

65.790 U$

Destinazione

Antartide

Esperienze e attività

Traversata con sci e pulkas, accampamento sul ghiaccio

LIVELLO ALTO (+info)

Date

Partenze 2020/2021 “internazionali” con guida di lingua inglese

Dal 7 dicembre al 18 dicembre 2020

Dal 18 dicembre al 29 dicembre 2020

Dal 3 gennaio al 14 gennaio 2021

Quota individuale

Da 65.790 U$

  • Volo di andata e ritorno da Punta Arenas all’Antartide (Union Glacier)
  • Transfer in arrivo e partenza all’aeroporto per i voli antartici
  • Incontro e presentazione della squadra logistica a Punta Arenas un giorno prima della spedizione
  • Tutti i voli in Antartide come da programma
  • Pensione completa e pernottamenti durante i giorni di spedizione in Antartide
  • 25 kg. di franchigia bagaglio nel volo da Punta Arenas a Union Glacier
  • Utilizzo delle strutture all‘accampamento base di Union Glacier
  • Certificato ufficiale e personalizzato ANI per il risultato raggiunto;noleggio del materiale specuifico per la traversata: sci, pelli di foca e bastoncini, slitta;guida specializzata in spedizioni
  • Biglietto aereo di andata e ritorno dall’Italia a Punta Arenas (consultare Terre Polari per la ricerca voli)
  • Spese emissione biglietto aereo e gestione pratica (20 €)
  • Tutti i servizi extra a Punta Arenas pre e post spedizione (pernottamenti, pasti ecc.)
  • Trasferimenti all‘aeroporto di Punta Arenas non inclusi nel programa
  • Voli in Antartide non previsti nel programma;- abbigliamento personale da montagna
  • Eccesso franchigia a bagaglio;- uso del telefono satellitare in Antartide
  • Pasti/pernottamenti durante i trasferimenti negli aeroporti o quelli non contemplati nel programma
  • Tasse regionali e nazionali di ingresso e/o uscita dal Paese
  • Assicurazione medico-bagaglio (incidente, salvataggio e soccorso, con copertura minima di 150.000 U$) e polizza annullamento (obbligatorie)
  • Pernottamenti, pasti extra, emissione nuovi biglietti aerei, dovuti a ritardi dei voli o della navigazione,  cattive condizioni meteorologiche, scioperi aeroportuali, o qualsiasi altra causa che non dipenda dall’agenzia
  • Tutto quanto non specificato alla voce “La quota comprende”
Comprende
  • Volo di andata e ritorno da Punta Arenas all’Antartide (Union Glacier)
  • Transfer in arrivo e partenza all’aeroporto per i voli antartici
  • Incontro e presentazione della squadra logistica a Punta Arenas un giorno prima della spedizione
  • Tutti i voli in Antartide come da programma
  • Pensione completa e pernottamenti durante i giorni di spedizione in Antartide
  • 25 kg. di franchigia bagaglio nel volo da Punta Arenas a Union Glacier
  • Utilizzo delle strutture all‘accampamento base di Union Glacier
  • Certificato ufficiale e personalizzato ANI per il risultato raggiunto;noleggio del materiale specuifico per la traversata: sci, pelli di foca e bastoncini, slitta;guida specializzata in spedizioni
Non comprende
  • Biglietto aereo di andata e ritorno dall’Italia a Punta Arenas (consultare Terre Polari per la ricerca voli)
  • Spese emissione biglietto aereo e gestione pratica (20 €)
  • Tutti i servizi extra a Punta Arenas pre e post spedizione (pernottamenti, pasti ecc.)
  • Trasferimenti all‘aeroporto di Punta Arenas non inclusi nel programa
  • Voli in Antartide non previsti nel programma;- abbigliamento personale da montagna
  • Eccesso franchigia a bagaglio;- uso del telefono satellitare in Antartide
  • Pasti/pernottamenti durante i trasferimenti negli aeroporti o quelli non contemplati nel programma
  • Tasse regionali e nazionali di ingresso e/o uscita dal Paese
  • Assicurazione medico-bagaglio (incidente, salvataggio e soccorso, con copertura minima di 150.000 U$) e polizza annullamento (obbligatorie)
  • Pernottamenti, pasti extra, emissione nuovi biglietti aerei, dovuti a ritardi dei voli o della navigazione,  cattive condizioni meteorologiche, scioperi aeroportuali, o qualsiasi altra causa che non dipenda dall’agenzia
  • Tutto quanto non specificato alla voce “La quota comprende”

SIETE IN TANTI?

Questo viaggio può anche essere organizzato in esclusiva per il tuo gruppo di amici, famigliari, un’associazione o simili. Se sei interessato a questa opzione contattaci per avere maggiori informazioni.

CONDIVIDI QUEST’AVVENTURA

SPEDIZIONI

Spedizione di alto livello in una delle regioni più remote e incontaminate del pianeta. In compagnia di esperte guide ed alpinisti di tutto il mondo, traversata con gli sci dell’ultimo grado di latitudine per raggiungere il punto più meridionale del pianeta, il Polo Sud. Questo tour prevede una consulenza personalizzata da parte di un’equipe polare esperta.

IL VIAGGIO IN IMMAGINI

ESPLORA ALTRI VIAGGI
SPEDIZIONE
Novembre a Gennaio

SPEDIZIONE AL MONTE VINSON

Prezzo da: 44.495$
12 giorni. Livello Alto. Realizza il sogno di raggiungere la cima più alta del continente Antartico.

SIETE IN TANTI?

Questo viaggio può anche essere organizzato in esclusiva per il tuo gruppo di amici, famigliari, un’associazione o simili. Se sei interessato a questa opzione contattaci per avere maggiori informazioni.

CONDIVIDI QUEST’AVVENTURA

Richiesta informazioni e scheda tecnica

Richiesta informazioni e scheda tecnica...

INFORMAZIONI SUI LIVELLI

I Viaggi AvventuraAvventura-comfort sono viaggi attivi, accessibili a tutti coloro che vogliono conoscere queste destinazioni attraverso escursioni e trekking a contatto con la natura incontaminata di questi luoghi.

Semplice: viaggi con escursioni e trekking non impegnativi, senza zaino e di durata approssimativa tra le 3 e le 5 ore con soste lungo il cammino.

Medio: viaggi con trekking di durata variabile tra le 5 e le 7 ore con soste lungo il cammino. Alcuni viaggi avventura di livello medio prevedono trekking di livello semplice ma hanno una durata di 8 giorni o più.

Le Spedizioni sono traversate che permettono di scoprire gli angoli più belli e a volte meno conosciuti, in completa autonomia a piedi, con gli sci, con le racchette da neve, i cani da slitta o i kayak.

Semplice: viaggi attivi senza difficoltà tecnica e con camminate di durata pari o inferiore alle 5 ore.

Medio: viaggi attivi con trekking dalle 4 alle 7 ore giornaliere, si consiglia di godere di una buona forma fisica, di non avere problemi a trasportare il proprio zaino sulle spalle e si raccomanda allenamento e potenziamento della resistenza per godere al meglio dell’avventura.

Alto: le tappe superano, in alcuni casi, le 8 ore di traversata. In alcuni casi si richiede di avere una buona esperienza alpinistica e godere di una buona forma fisica.

Richiesta informazioni e scheda tecnica

Richiesta informazioni e scheda tecnica...

Richiesta informazioni e scheda tecnica

Richiesta informazioni e scheda tecnica...

Vuoi entrare anche tu a far parte dello staff di Terre Polari?

Se anche tu sei amante della natura e delle attività outdoor e parli almeno due lingue straniere (inglese, spagnolo, francese) inviarci il tuo curriculum dettagliato completo di foto e una presentazione autorizzando il trattamento dei dati ai sensi dell´informativa sulla Privacy a curriculum@terrepolari.com